Il Modica Airone “doma” i Giovani Leoni, al “Barone” successo in rimonta e sorpasso in classifica

Modica Airone – Giovani Leoni Catania 3 – 1

Modica Airone: Mercorillo, Tropea (dal 73’ Spadola), Consales (dal 67’ Brafa), Petriliggeri, Blandino, Leone, campo (dal 56’ Sammito), Caccamo, Anania, Riela (dal 80’ Cassarino), Ammatuna (dal 51’ Di Gabriele), all. Bartolomeo Di Martino.

Giovani Leoni Catania: Rapisarda, Aiello (dal 16’ D’Angelo), Finocchiaro, Di Paola, Alessio Longo, Salvatore Marino, Cristian Longo, Giorgio Marino,Tribulato, Furnò (dal 57’ Commercio), Danilo Longo (dal 67’ Ciancio), all. Carmelo Lanza.

Arbitro: Michele Tasca di Ragusa.

Reti: al 33* Tribulato, al 69’ Di Gabriele, al 72’ Anania, al 80’ autorete Salvatore Marino.

Modica – Meritato successo della formazione “Allievi” del Modica Airone che nella gara che chiudeva il girone E del campionato regionale al “Vincenzo Barone” ha battuto in rimonta i Giovani Leoni Catania.

La formazione di Carmelo Lanza è sicuramente la migliore squadra vista a Modica in questa stagione mostrando personalità e carattere e mettendo in mostra qualche elemento di cui in futuro si sentirà parlare nel calcio che conta.

Il successo conquistato in rimonta dai rossoblù di Bartolomeo Di martino permette di tornare al successo e operare il contro sorpasso in classifica nei confronti della compagine etnea.

La gara giocata davanti a una discreta presenza di pubblico in tribuna è stata molto piacevole e con trame di bel gioco dall’una e dall’altra parte.

Dopo pochi minuti di studio il confronto entra subito nel vivo e al 4’ gli ospiti ci provano con una rovesciata di Furnò, tanto bella quanto inutile. Il tiro del numero 10 gialloblù, infatti, non crea nessun pericolo per Mercorillo che blocca facilmente.

Sicuramente più pericolosa la risposta del Modica Airone 1’ dopo. Solita rimessa laterale in zona d’attacco di “Dabbo” Caccamo che scodella al centro dell’area di rigore catanese un bel pallone sul quale Anania anticipa tutti e di testa indirizza in porta con Rapisarda che vola sulla sua sinistra e devia in angolo. Dal successivo tiro dalla bandierina la sfera dopo una corta respinta della difesa arriva sui piedi di Riela che da posizione ideale tira a botta sicura all’angolo basso alla destra di Rapisarda che è bravissimo a deviare la sfera che sbatte sul palo e finisce in angolo.

Al 29’ punizione “bomba” dalla distanza di Caccamo, Rapisarda s’inarca e devia la sfera che scheggia la traversa e finisce in corner.

Al 33’ la formazione etnea passa in vantaggio con Tribulato che “dimenticato” dal suo marcatore in piena area di rigore raccoglie un traversone dalla destra e con un tocco di piatto al volo manda la palla in rete dopo aver cozzato sul palo alla destra dell’incolpevole Mercorillo.

Il Modica Airone accusa il colpo e nei restanti minuti del primo tempo non riesce a reagire.

Nella ripresa il Modica Airone sposta in avanti il suo baricentro di gioco e al 45’ si fa minaccioso dalla parti di Rapisarda. Dopo un’azione confusa al limite dell’area ospite, la sfera arriva sui piedi di Riela che lascia partire un tiro a mezz’altezza che Rapisarda da terra con un guizzo “felino” riesce a intercettare con la mano di richiamo.

Al 69’ arriva il gol del meritato pareggio modicano con Di Gabriele che lanciato sulla sinistra vince il duello in velocità con il suo marcatore, converge al centro, entra in area di rigore e con un tocco morbido batte il portiere in uscita disperata. Questa volta sono gli ospiti ad accusare il colpo. Il Modica Airone dopo qualche minuto resta in dieci per l’espulsione di leone che ferma con le “cattive” Commercio costringendo l’arbitro che lo aveva ammonito in precedenza a mandarlo anzitempo sotto la doccia.

Al 72’ nonostante l’inferiorità numerica, i padroni di casa passano in vantaggio con Anania che servito sul vertice destro dell’area di rigore avversaria protegge con forza la sfera e appena in area “fulmina” Rapisarda con un tiro secco che gonfia la rete catanese e fa esplodere di gioia il “Vincenzo Barone”.

A questo punto I Giovani Leoni perdono le distanze e si riversano in avanti alla ricerca disperata del pareggio, ma nell’ultimo giro di orologio, invece arriva il gol che chiude la pratica e mette in cascina il successo modicano. Per la verità di tratta di un’autorete di Salvatore Marino che nel tentativo di anticipare a pochi passi dalla linea di porta Di Gabriele su cross dalla destra di Spadola, infila la sua porta e mette i “sigilli” sul successo modicano che vale il controsorpasso in classifica.

Condividi
sono nato a Modica in un giorno che (purtroppo) coincide con una data storica 11 - 9 -1966. Ho studiato all'Istituto Tecnico Commericiale "Archimede" di Modica. Da sempre ho avuto la passione per lo sport e per il calcio in particolare. Dopo aver giocato a livello giovanile nel Modica calcio dopo un brutto infortunio al ginocchio ha pensato di vivere nel mondo dello sport da una diversa angolazione raccontando agli altri quello che succede nei vari campi e nelle varie manifestazioni sportive riuscendo a trasformare un mio hobby in lavoro. Ha iniziato a lavorare come giornalista agli inizi degli anni 80' (82/83) a Rtm pe rpoi passare a Video Mediterraneo. Tornato a Modica dopo quattro anni a Vignola (Mo) ho ricominciato curando lo sport "minore" a Video Regione per poi passare a VideoUno. Dal 2004 scrivo per il Giornale di Sicilia con belle esperienze nei giornali on line quali Giornale di Ragusa e La Spia.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine