Un Modica Airone in “affanno” evita la sconfitta in extremis contro un buon Per Scicli

Modica Airone – Per Scicli 1 – 1

Modica Airone: Mercorillo, Tropea (dal 52’ Di Lorenzo), Brafa (dal 52’ Consales), Petriliggeri, Blandino (dal 43’ Ruta), Leone, Riela (dal 49’ Campo), Caccamo, Anania, Sammito (dal 55’ Spadola), Di Gabriele( dal 46’ Ammatuna), all. Bartolomeo Di Martino.

Per Scicli: Musso, Fidone, Falsone, Bongiardina, Carpinteri, Guastellini, Sinacciolo (dal 80’ Ingallinesi), Salemi, Khalifa, Galizia, Isteri (dal 63’ Salem), all. Antonello Bonaventura.

Arbitro: Angelo Corallo di Ragusa.

Reti: al 20’ Salemi, al 81’ Caccamo.

Modica – Un gol del solito “Dabbo” Caccamo in pieno recupero permette al Modica Airone di evitare la prima sconfitta casalinga della stagione nell’atteso derby contro il Per Scicli disputato nel pomeriggio al “Vincenzo Barone”e valido per la quindicesima giornata del campionato regionale “Allievi”.

I gialloneri ben messi in campo da Antonello Bonaventura sono stati bravi ad arginare le sfuriate offensive dei rossoblù di “Liddu” Di Martino che hanno un po’ sottovalutato l’avversario e alla fine sono stati costretti a inseguire i loro avversari che hanno dimostrato che la posizione attuale di classifica è alquanto bugiarda.

Alla fine il risultato, comunque, può considerarsi il più equo con gli ospiti che escono dal campo amareggiati perché “assaporavano” il gusto dolce della vittoria poi fallita nei secondi finali.

La gara inizia con le due squadre molto contratte che pensano prima a non prenderle. La partita la fanno i padroni di casa che attaccano con poca convinzione e non sfruttano al massimo le caratteristiche dei loro attaccanti. L’unico che ha le idee chiare è Sammito che cerca di “innescare” la velocità di Germano Di Gabriele che tuttavia non riesce a incidere sul match come potrebbe. Stessa considerazione per Alberto Anania fresco di convocazione nella rappresentativa regionale di categoria (insieme a Petriliggeri), ma il possente attaccante di casa non riesce a far salire la squadra come gli chiede il suo tecnico.

Il primo quarto d’ora di gioco così non regala grosse emozioni. Il Modica Airone attacca, ma non crea pericoli al contrario del Per Scicli che al primo affondo passa in vantaggio. È il 20’ quando Salemi un paio di metri all’interno dell’area di rigore modicana riceve palla dalla destra e con un piattone spedisce la sfera all’angolo basso alla sinistra di Mercorillo (ex di turno insieme a Riela e Petriliggeri) che nonostante il tuffo non riesce a evitare il vantaggio ospite.

I rossoblù modicani accusano il colpo e non riescono a reagire, mentre i ragazzi di Bonaventura gestiscono senza grossi affanni il resto della prima frazione che li vede andare al riposo in vantaggio con il minimo scarto.

Nella ripresa Di martino cerca di rimescolare le carte e da spazio ai ragazzi della panchina.

Al 49’ sugli sviluppi di un corner il Modica Airone va vicinissimo al pareggio con un colpo di testa di Leone che Musso con un grande riflesso riesce a deviare in corner.

I padroni di casa alzano il ritmo del gioco e spostano avanti il loro baricentro di gioco esponendosi però ai contropiedi avversari che al 61’ vanno vicini al raddoppio con un colpo di testa di Salemi che stacca bene su un cross dalla destra, ma non inquadra lo specchio della porta.

Nel 1’ di recupero Anania con una finezza va via al suo marcatore che lo aggancia al limite dell’area di rigore e lo fa rovinare a terra costringendo il direttore di gara (ottima la sua prestazione) ad assegnare il calcio di punizione. Lo stesso Anania tocca per Caccamo che fa esplodere il suo destro che non lascia scampo a Musso che prova a deviare senza riuscirci (nella foto).

Sulle ali dell’entusiasmo e con il Per Scicli a corto di ossigeno i rossoblù di casa provano a ribaltare il punteggio e ci vanno vicinissimi al 83’ quando su la solita lunga rimessa laterale in zona d’attacco di Caccamo la sfera arriva in area di rigore ospite con Leone che stacca bene di testa ma la sua 2incornata” scheggia l’incrocio dei pali e finisce sul fondo.

Poi tutti sotto la doccia con il risultato di parità che premia la caparbietà dei modicani e lascia con un pò di amaro in bocca la compagine sciclitana.

Condividi
sono nato a Modica in un giorno che (purtroppo) coincide con una data storica 11 - 9 -1966. Ho studiato all'Istituto Tecnico Commericiale "Archimede" di Modica. Da sempre ho avuto la passione per lo sport e per il calcio in particolare. Dopo aver giocato a livello giovanile nel Modica calcio dopo un brutto infortunio al ginocchio ha pensato di vivere nel mondo dello sport da una diversa angolazione raccontando agli altri quello che succede nei vari campi e nelle varie manifestazioni sportive riuscendo a trasformare un mio hobby in lavoro. Ha iniziato a lavorare come giornalista agli inizi degli anni 80' (82/83) a Rtm pe rpoi passare a Video Mediterraneo. Tornato a Modica dopo quattro anni a Vignola (Mo) ho ricominciato curando lo sport "minore" a Video Regione per poi passare a VideoUno. Dal 2004 scrivo per il Giornale di Sicilia con belle esperienze nei giornali on line quali Giornale di Ragusa e La Spia.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine