Il Modica calcio si presenta alla città, obiettivo salvezza e valorizzazione dei giovani

Modica – A quattro giorni dall’inizio della preparazione precampionato il Modica calcio si è presentato alla città e ai suoi tifosi in una conferenza stampa tenuta nei locali di “Casa Modica” in Via Furio Camillo.

Durante l’incontro con la stampa e i tifosi alla quale erano presenti i nuovi acquisti dei “tigrotti” Corrado Paolino, Kevin Valerio, Alex Porto e l’ultimo arrivato Mario Lao (mentre era assente Charlie Okolie) la dirigenza presieduta da Pietro Bellia e dal suo vice Sebastiano Failla ha presentato il nuovo organigramma societario, gli obiettivi della prossima stagione e le nuove maglie con le quali i rossoblù del riconfermato duo tecnico Filicetti – Schiavo affronterà le gare ufficiali della prossima stagione.

Con Pietro Bellia e Sebastiano Failla rispettivamente Presidente e Vice, a collaborare nella dirigenza ci sarà per quanto riguarda lo staff tecnico Peppe Sammito con le funzioni di Direttore Sportivo, mentre Luciano Mica (per lui si tratta di un ritorno) sarà il preparatore atletico. Nuccio Porto (ex guardiapali dei rossoblù negli anni ottanta) sarà il preparatore dei portieri, mentre Gianni Gibaldi curerà il settore giovanile su cui il Modica quest’anno punta moltissimo. Il riconfermato Emanuele Mauceri, invece, sarà il massaggiatore dei “tigrotti”.

La portavoce della società e addetta alle pubbliche relazioni sarà Rita Cavallino. Per quanto riguarda l’area medica, il dottor Corrado Failla sarà il medico sociale, mentre Michele Zocco sarà il fisioterapista (anche per lui si tratta di un ritorno) e metterà a disposizione dei rossoblù la sua struttura ambulatoriale di Via Resistenza Partigiana.

L’area logistica farà riferimento al team manager Roberto Floridia, mentre Massimo Aprile curerà la segreteria dei rossoblù. Angelo Basile si occuperà dell’area amministrativa e l’avvocato Emanuele Gurrieri sarà il rappresentante legale del sodalizio modicano. L’area marketing, infine, è stata affidata alla Wall Comunication di Giovanni Cavallino.

Il primo a prendere la parola durante l’incontro con la stampa è stato il presidente onorario Elio Scollo (figlio dell’indimenticato “Zio Pietro”) che ha salutato i presenti rimarcando la sempre più costante “modicanità” del Modica tanto amato da suo papà.

Subito dopo è stata la volta del vice presidente Sebastiano Failla che ha presentato l’organigramma societario e ha ribadito che il Modica calcio è una famiglia che si sta allargando grazie agli aiuti arrivati dagli sponsor e dall’amministrazione comunale che è sempre stata vicina alla dirigenza. “Il nostro obiettivo è di ottenere anche quest’anno ottimi risultati come la scorsa stagione e di valorizzare i tanti giovani della rosa sulla quale puntiamo moltissimo, così come puntiamo alla vittoria del campionato provinciale juniores che quest’anno affronteremo in maniera seria e determinata come da diverso tempo non si faceva grazie soprattutto alla collaborazione con l’Azzurra Modica del presidente Gianni Gibaldi”.

Il presidente Pietro Bellia riallacciandosi alle parole del suo vice Failla ha voluto ringraziare tutti gli sponsor e si è posto come obiettivo l’allargamento delle imprese che anche con un piccolo contributo possono dare una mano a quella che da dicembre è diventata la squadra della città. “La stagione scorsa è ormai andata in archivio –spiega il massimo esponente del sodalizio rossoblù – adesso bisogna azzerare tutto,  ripartire  e cercare di essere protagonisti anche nel prossimo campionato. Abbiamo fatto enormi sacrifici confermando lo zoccolo duro della rosa dello scorso anno, puntellandola con acquisti mirati che ci permetteranno di confermare il nostro obiettivo primario che è quello di valorizzare i giovani”.

Soddisfatto per il cammino intrapreso insieme al Modica calcio anche il responsabile del settore giovanile Gianni Gibaldi: “Sono contento di questo accordo con la prima squadra della città. Metterò a disposizione della dirigenza la mia esperienza trentennale per quanto riguarda il settore giovanile nella speranza che come tanti altri giovani provenienti dalla mia scuola calcio (ben sei atleti dell’Azzurra si aggregheranno alla prima squadra) possano spiccare il volo nel calcio che conta com’è stato per altri in passato. Sono felice – conclude Gibaldi – del fatto che giovani che in passato hanno militato nella mia scuola calcio ritornino a Modica così come anche per i miei ex collaboratori che ora daranno una mano ai rossoblù”.

Il Direttore Sportivo Peppe Sammito ha parlato, invece, del mercato dei rossoblù ma si è anche soffermato sull’importanza del settore giovanile: “Ho voluto fortemente l’accordo con l’Azzurra Modica di Gianni Gibaldi perché il Modica calcio deve assolutamente ripartire e puntare sul settore giovanile che negli ultimi anni è stato il vero tallone d’Achille della società. Puntare sui giovani modicani o del circondario è importantissimo perché oltre a pensare al presente, si gettano le basi solide per un futuro tranquillo di cui tutte le società soprattutto dilettantistiche hanno bisogno per rilanciare il calcio. Per quanto riguarda il mercato non è ancora chiuso. A breve, infatti, cederemo anche se a malincuore Eduardo Sammito che per motivi di studio andrà fuori e per permettergli di continuare a giocare lo cederemo a qualche squadre del Nord Italia, mentre in entrata stiamo cercando di chiudere con un atleta modicano (Maiko Candiano?) che ha giocato nel Modica in passato e negli ultimi anni ha militato tra i professionisti”.

Lunedì prossimo, intanto, i rossoblù inizieranno la preparazione in sede (sedute mattutine al parco forestale “Mangiagesso” e nel pomeriggio al “Pietro Scollo”) agli ordini di Luca Filicetti e Sebastiano Schiavo che si sono dichiarati soddisfatti di come la dirigenza si è mossa sul mercato.

“La mia nuova veste mi stimola tantissimo – ha spiegato il capitano e allenatore dei rossoblù – Tutti i ragazzi  sono arrivati su nostre precise indicazioni e per questo motivo voglio ringraziare pubblicamente la dirigenza che ci ha accontentato in tutto e per tutto. Il nostro obiettivo principale è il raggiungimento della salvezza senza grossi patemi e da lunedì lavoreremo per questo. Poi – conclude – se verrà qualcosa di più importante di sicuro non ci tireremo indietro”.

“Il mio augurio – spiega Sebastiano Schiavo – è di ritrovare un ambiente tranquillo e sereno come quello della scorsa stagione e di raggiungere e magari migliorare i risultati dello scorso campionato dove abbiamo sfiorato i play off”.

maglie modica calcioSubito dopo sono state presentate le nuove maglie scelte dal Modica per affrontare la prossima stagione. La prima maglia sarà rossa con dei motivi blu alle spalle con pantaloncini blu e calzettoni rossi. La seconda divisa ufficiale, invece sarà bianca con pantaloncini e calzettoni blu, mentre la terza maglia è un ritorno al passato e sarà completamente nera in ricordo della Fiamma Modica che nel 1953 guidata dal professor Casa vinse il suo primo campionato.

Le tre divise dei “tigrotti” oltre alla tuta di rappresentanza porteranno la scritta “Modica capitale della Contea” e avranno come “stemma” oltre a quello ufficiale del Modica calcio 1932 anche l’Ercole di Cafeo.

 

 

Condividi
sono nato a Modica in un giorno che (purtroppo) coincide con una data storica 11 - 9 -1966. Ho studiato all'Istituto Tecnico Commericiale "Archimede" di Modica. Da sempre ho avuto la passione per lo sport e per il calcio in particolare. Dopo aver giocato a livello giovanile nel Modica calcio dopo un brutto infortunio al ginocchio ha pensato di vivere nel mondo dello sport da una diversa angolazione raccontando agli altri quello che succede nei vari campi e nelle varie manifestazioni sportive riuscendo a trasformare un mio hobby in lavoro. Ha iniziato a lavorare come giornalista agli inizi degli anni 80' (82/83) a Rtm pe rpoi passare a Video Mediterraneo. Tornato a Modica dopo quattro anni a Vignola (Mo) ho ricominciato curando lo sport "minore" a Video Regione per poi passare a VideoUno. Dal 2004 scrivo per il Giornale di Sicilia con belle esperienze nei giornali on line quali Giornale di Ragusa e La Spia.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine