Modica, “regolarizzate” solo le feste

Dopo che Abbate ha illustrato i presunti risultati ottenuti, durante il primo anno di amministrazione, e mentre lo stesso Sindaco presenta l’estate modicana, i dipendenti delle ditte “collegate” all’Ente comunale insorgono, come testimonia il duro attaco del sindacalista Giorgio Iabichella.

“Regolarizzare significa, in italiano almeno, che una cosa viene resa normale o ricondotta alla situazione normale. Il Sindaco di Modica , Ignazio Abbate, dovrebbe spiegarci cosa vuol dire regolarizzare gli stipendi delle cooperative e della SPM, atteso che alcune cooperative sono state pagate fino a novembre 2013 e i secondi fino ad aprile 2014. Mancano 8 mensilità alle cooperative e 2 (oltre alla quattordicesima) ai dipendenti della SPM per “regolarizzare” i pagamenti Caro Signor Sindaco !”

“I facili proclami – continua Iabichella – non servono ai lavoratori che, oggi piu’ che mai, non possono vivere una vita decente se nelle tasche gli mancano 3 stipendi, ma servono solo a chi fa politica per riempire le pagine dei giornali e far apparire la città in modo artefatto. Le assicuro Signor Sindaco che i lavoratori avrebbero preferito meno fuochi d’artificio, luminarie e feste in giro, e qualche soldo in piu’ in tasca.”

“Ci eviti, per favore, la solita giustificazione. Sappiamo, infatti, che Voi della Giunta municipale non avete intascato i compensi degli ultimi mesi, ma sappiamo anche che la stragrande maggioranza di voi ha altri redditi, con i quali “campa” tranquillamente. Mentre i lavoratori di SPM e Cooperative devono vivere, spesso, con un solo stipendio molto più basso di quello degli assessori!”

“Per cui evitateci, per favore, -conclude il sindacalista – una “campagna elettorale” fatta anzitempo ed alle spalledei lavoratori e iniziate realmente a regolarizzare i pagamenti degli stipendi di tutti i lavoratori. Grazie”

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine