Modica, lo “shuttle” divide il Consorzio turistico. Scelte condivise o niente tassa di soggiorno

Perchè i cittadini dovrebbero pagare due volte lo stesso servizio già svolto dall’Ast o perchè il servizio navetta gratuito deve competere con chi ha regolare licenza di transfer o di taxi? Alcuni operatori alberghieri della città impallinano il Direttivo del Consorzio Turistico, reo secondo i riottosi di non operare con diligenza e coscienza nella gestione quasi “telecomandata” dell’organismo. Chiedono la convocazione di un Assemblea e un rendiconto economico sulle spese sostenute. Reclamano il piano di marketing territoriale. Sembrano davvero lontani i tempi in cui il Consorzio nasceva con nobili obiettivi di promozione turistica. I “ribelli” minacciano di non versare l’obolo sul soggiorno dei turisti. Il presidente del Consorzio Turistico Renato Nuccio difende l’operato dell’organismo consortile affermando che, a suo avviso, si tratta di un mero attacco politico nei confronti dell’Amministrazione Comunale di Modica.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine