Ndrangheta: imponente blitz Polizia-Fbi, arresti in Calabria e Usa

La Polizia di Stato sta eseguendo fermi e arresti, disposti dalla Direzione distrettuale antimafia presso la Procura della Repubblica di Reggio Calabria, a carico dei componenti di una organizzazione criminale con proiezioni transnazionali, dedita ai traffici internazionali di sostanze stupefacenti tra gli Stati Uniti d’America e la Calabria.

L’operazione in corso vede impegnate squadre miste di investigatori della Polizia di Stato e agenti delle agenzie federali americane del Federal Bureau of Investigation (Fbi) e dell’ Homeland Security in Calabria e a New York. 

E’ “Columbus” il nome in codice dell’operazione anti ‘ndrangheta condotta sull’asse Italia-Usa: il 12 ottobre scorso, infatti, giorno del Columbus Day, investigatori della Polizia di Stato e dell’Fbi attesero in un porto degli Stati Uniti il primo carico di cocaina. Proveniente dal Centro-America, la droga era destinata alla piazza di New York e a quelle europee.

Broker del traffico, un incensurato calabrese, titolare di una pizzeria nel quartiere del Queens. L’uomo, gia’ arrestato nei giorni scorsi, e’ accusato di traffico internazionale di droga.

Altri due arresti, sempre nell’ambito dell’operazione Columbus, sono stati eseguiti a New York. Si tratta di una coppia di calabresi, marito e moglie, con il figlio proprietari del ristorante “Cucino a modo mio”, sito in 108th Street, nel quartiere del Queens a New York. Grazie a intercettazioni audio e video, la Polizia ha scoperto che il ristorante della famiglia era la base di copertura per il traffico di coca diretta a New York e in Calabria.

In contatto con narcos sudamericani, la loro sponda calabrese sarebbe un cartello della famiglia degli Alvaro. Nel corso delle perquisizioni sono stati sequestrati quantitativi di cocaina e marijuana, oltre 100mila dollari, 6 pistole e un fucile.

‘Ndrangheta: blitz Polizia-Fbi, cocaina tra frutta e tuberi 

Due carichi di cocaina, per un totale di 60 chilogrammi, sono stati sequestrati dagli inquirenti nell’ambito dell’operazione “Columbus” che ha portato all’arresto o al fermo di 15 persone a vario titolo coinvolte in un traffico di droga fra gli Usa e la Calabria. Lo schema operativo-criminale emerso negli Stati Uniti faceva leva su una rete commerciale e societaria, utilizzata come copertura per l’importazione della cocaina, che operava nel settore alimentare per l’importazione di frutta tropicale e tuberi. 

I due carichi di droga furono sequestrati nell’ottobre e nel dicembre 2014 nei porti statunitensi di Wilmington (Delawere) e Chester – Philadephia (Pennsylvania), grazie a pedinamenti e intercettazioni, monitorando persone fisiche e giuridiche sospettate di aver avviato un traffico internazionale di stupefacenti. Da mesi gli investigatori del Servizio Centrale Operativo e della Squadra Mobile di Reggio Calabria erano a New York insieme agli agenti della F.B.I. La droga sequestrata, secondo gli inquirenti, dimostra la bonta’ dell’impianto investigativo ed ha consentito la definizione di ruoli e condotte criminali dei soggetti emersi nell’inchiesta. Al vertice dell’organizzazione, uomini della ‘ndrangheta a New York.

Inchieste della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria – sottolineano gli inquirenti – gia’ avevano dimostrato l’esistenza di un “ponte” tra New York e l’area ionico-reggina, finalizzato a porre in essere legami criminosi tra Sud America, Stati Uniti e Italia

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine