Ne è valsa la pena: conoscere equivale a essere liberi!

E’ trascorso un anno, 365 giorni, tante paure ed un’infinità di problemi. Tutto per un libro. Tutto per impedirvi di leggere. Perchè ci vorrebbero muti. E noi, invece, dobbiamo parlare e denunciare.
Penso che la cosa più importante sia la ricerca della verità, per questa ragione dedicai il mio lavoro a Giovanni Spampinato, a Giulio Regeni, a tutte le donne e gli uomini che non hanno verità e Giustizia.
In questo anno sono seguiti arresti, scioglimenti di comuni, deputati condannati. Molto di quello che ho scritto.
Oggi qualcuno mi domanda se ne è valsa la pena. Si, ne è valsa la pena perché al di là delle nostre vite, la cosa più importante è fare il proprio dovere e cercare di svelare i loro sporchi traffici. Per cercare di evitarvi di dare i vostri soldi alle mafie, i vostri voti ai politici corrotti.
Per farvi comprendere che uno fra i più importanti imprenditori del vino del nostro Paese si fosse affidato ad un boss in galera. Per cercare di svelare come le mafie portino la frutta e la verdura sulle nostre tavole. Tutto con nomi e cognomi.
Tutto per un libro, ma ho la coscienza pulita e Vi ringrazio.
Un morto ogni tanto: grazie a chi lo ha letto, grazie a chi lo ha condiviso. Grazie a chi cerca le verità e non si accontenta di alcune verità di comodo. Insieme!

Ne è valsa la pena! E’ trascorso un anno, 365 giorni, tante paure ed un’infinità di problemi. Tutto per un libro….

Geplaatst door Paolo Borrometi op Vrijdag 25 oktober 2019
Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine