Omicidio di Alessio e Simone, i genitori scrivono al Ministro Bonafede

E’atteso per domani il pronunciamento del giudice per l’udienza preliminare, Ivano Infarinato in merito all’omicidio stradale aggravato dall’alterazione psicofisica dovuta all’utilizzo di sostanze alcoliche e stupefacenti, nei confronti di Rosario Greco che ha travolto ed ucciso i due cuginetti, Simone e Alessio D’Antonio l’11 luglio del 2019. Il procuratore capo di Ragusa ha chiesto la condanna a 10 anni di carcere. I genitori dei cuginetti, i fratelli Alessandro e Tony D’Antonio, e le loro mogli hanno inviato una lettera al ministro Alfonso Bonafede che si era recato in visita privata dai genitori dopo la tragedia. “Le scriviamo perché non accettiamo quello che è successo a conclusione della seconda udienza che si è svolta il 19 maggio presso il Tribunale di Ragusa. In quella sede, il Pubblico ministero, partendo da una condanna a 15 anni e secondo il rito abbreviato, propone la condanna a 10 anni di reclusione”. I D’Antonio esprimono “disappunto a questo modo di operare perché se la legge prevede la condanna massima a 18 anni, come mai a noi non è stata applicata tale procedura? E se non è in queste situazioni che tali sanzioni vengono applicate, che senso ha che la legge esista e non venga utilizzata nel suo giusto essere, con la preoccupazione che possa ottenere un ulteriore sconto della pena proposta?”. Secondo i genitori dei bimbi, non sono state aggiunte le aggravanti e lamentano che il tragico evento sia stato ricondotto “ad omicidio stradale invece di essere applicato l’articolo 7 (omicidio colposo previsto dall’articolo 589 del codice) della Procedura penale”. Una modifica della legge, secondo quanto scrivono i genitori di Alessio e Simone, sarebbe stata prospettata proprio dal ministro, nel corso della sua visita. “In quella occasione ci disse che ci sarebbero stati dei cambiamenti sulla legge in merito agli incidenti stradali e che forse saremmo rientrati nella nuova legge che avrebbe portato il nome di Alessio e Simone D’Antonio. Quale aiuto possiamo chiedere per avere una giustizia appropriata per i nostri figli?” 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine