Omicidio Vittoria, rigettata la richiesta di incidente probatorio 

 Il figlio di Brunilda Halla non verrà sentito in incidente probatorio. La donna, 37enne di origine albanese è stata uccisa il 25 maggio scorso con sei coltellate da un 28enne di Vittoria reo confesso e sul quale pende l’accusa di omicidio aggravato da motivi abietti e attuato con premeditazione con un coltello a serramanico. Il pm aveva chiesto l’incidente probatorio per assumere la testimonianza del giovane che ha assistito al delitto perché la famiglia di Brunilda pareva volesse tornare in Albania. Il reo confesso assassino aveva detto agli inquirenti di avere agito determinato ad uccidere la prima persona che avesse incontrato in strada per vendicarsi dei soprusi che ha dichiarato di avere patito sin dall’adolescenza a Vittoria. Aveva colpito a caso. Il Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Ragusa, ha rigettato la richiesta di incidente probatorio avanzata dal pubblico ministero titolare dell’indagine e finalizzata ad acquisire la testimonianza del giovane, ritenendola non rilevante e superflua alla luce degli atti di indagine. Il gip ha inoltre sostenuto il suo rigetto, con la tutela della personalità del minore. 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine