Opera in Sicilia un nuovo movimento. Prende anima da un auspicio di Paolo Borsellino: “Nonostante tutto, questa terra diventerà Bellissima”

Una frase rimasta impressa nella storia per il coraggio che molti uomini hanno saputo portare avanti con determinazione unica. A dare vita e corpo al nuovo movimento politico è l’onorevole Nello Musumeci, politico italiano di lungo corso, oggi presidente della Commissione regionale Antimafia. Lo abbiamo incontrato ieri pomeriggio per una piacevole intervista nel suo ufficio a Catania.   “Diventerà Bellissima nasce per volontà della base e per coprire uno spazio politico che i politici tradizionali non erano e non sono più nelle condizioni di poter coprire – spiega Musumeci – Non si avvertiva l’esigenza di un nuovo partito in Sicilia e, infatti, il nostro non lo è. E’ un movimento di opinione trasversale aperto a tutte le persone per bene, che muove da un patrimonio valoriale che appartiene all’area moderata, ma che si apre anche a chi ha storie e percorsi politici diversi. Si avverte, infatti, l’esigenza di costruire insieme una pagina nuova fatta di rivincita e di riscatto per questa terra:  una Sicilia martoriata, abbandonata e sfruttata da una classe dirigente di farisei, mercanti di ogni consenso e di ogni cosa”. “Diventerà Bellissima” porta la denominazione tratta da un auspicio di Paolo Borsellino quando pochi giorni prima che lo assassinassero, parlando ai ragazzi di Palermo disse: “Nonostante tutto questa terra un giorno diventerà bellissima”. “E’ un movimento che ha già raccolto centinaia di adesioni tra consiglieri comunali ed amministratori, migliaia di cittadini con una folta presenza giovanile – sancisce Musumeci – Siamo spalmati e presenti in tutta l’isola e vogliamo preparare un progetto di governo alternativo. Non abbiamo pregiudizi nei confronti dei partiti, ma ci teniamo a salvaguardare una nostra identità che è etica prima ancora che programmatica”. Poi Musumeci guarda al governo nazionale per sottolineare la sua posizione: “Noi pensiamo di poter rappresentare un elemento di novità dato che i partiti a Roma sono ancora convinti che la  Sicilia sia una terra da colonizzare. Lo hanno già fatto nel passato, chi più chi meno, ma ora, nel momento in cui ci troviamo in ginocchio, avvertiamo tutti l’esigenza di mettere insieme persone di buona volontà, donne e uomini, anziani e giovani, per costruire un progetto di governo che riparta da una rigenerazione culturale territoriale, ambientale paesaggistico e morale della Sicilia”. E conclude l’Onorevole Nello Musumeci con :“Diventerà Bellissima”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine