Il Paternò “ricambia” il favore dell’andata, i rossoazzurri vincono in rimonta e inguaiano il Modica

Paternò – Modica 3 – 2

Marcatori: al 13’ Panatteri, al 17’ Ravalli, al 57’ Genovese, al 66’ Olivieri, al 76’ Corallo.

Paternò – Trasferta amara e “pericolo” play out dietro l’angolo per il Modica che torna con le pive nel sacco dalla trasferta al “Falcone Borsellino” di Paternò.

I rossoblù di Luca Filicetti, infatti, tornano a casa con un pugno di mosche dopo aver chiuso in vantaggio di due gol la prima frazione di gioco.

Il Paternò, in poche parole, ha reso pan per focacce ai “tigrotti”. Nella gara di andata giocata al 2Pietro Scollo”, infatti, erano stati i rossoazzurri di Ciccio Pannitteri a tornare a casa battuti dopo essere stati in vantaggio di due reti facendo infuriare la presidente Stefania Amato. Questa volta, invece, sono stati Polessi (ex acclamato prima dell’inizio del match dai tifosi modicani) a gioire e far vivere un incubo alla formazione della Contea.

La gara è stata bella e avvincente. Dopo un buon inizio dei padroni di casa, infatti, sono i rossoblù ospiti a sbloccare il risultato, dopo che al 10’ avevano sciupato una buona occasione con Okolie per passare in vantaggio.

È il 13’, quando sugli sviluppi di un corner la sfera arriva a Panatteri che stoppa con il petto e con un tiro a palombella beffa Polessi realizzando il suo primo gol della sua terza avventura all’ombra del castello.

Il Paternò accusa il colpo e il Modica è pronto a colpire. Al 15’ Filicetti pesca in area di rigore avversaria Pianese che con un tiro di piatto mette alle spalle di Polessi, ma l’arbitro annulla per fuorigioco dello stesso difensore centrale modicano.

Il Paternò è come un pugile suonato e al 17’ arriva il secondo gol ospite. Filicetti verticalizza al “centimetro” per l’accorrente Ravalli che si presenta solo davanti a Polessi e lo infila senza grosse difficoltà.

Al 26’ si mette in evidenza il “portierino” Giannì che con un grande intervento mantiene imbattuta la porta modicana andando a deviare in angolo una velenosa conclusione di Scariolo. Si va così al riposo con il Modica meritatamente in vantaggio per 2 – 0.

Nella ripresa le parti s’invertono. Modica troppo molle e Paternò più deciso e votato all’attacco.

Al 50’ ci prova Faye da posizione angolata ma Giannì è attentissimo e con un balzo “felino” mette in angolo.

Al 57’ il Paternò accorcia le distanze. Sugli sviluppi di un calcio piazzato, la sfera giunge in area di rigore modicana, dove Genovese, di testa insacca, nonostante l’estremo tentativo di Giannì.

Al 61’ Pianese in proiezione offensiva colpisce di testa da buona posizione ma non inquadra la porta e l’azione sfuma.

Al 66’ arriva il pareggio della formazione Normanna. Bella azione corale della squadra etnea che porta alla conclusione Olivieri che dopo aver stoppato di petto insacca alle spalle dell’incolpevole Giannì.

Il Modica entra in confusione, mentre il Paternò crede nella rimonta e alza il ritmo del gioco.

La rimonta etnea si completa al 76’, quando Raniolo entra in area di rigore e serve sul secondo palo un pallone a Corallo che deve solo spingerlo in rete.

Il Modica subito il gol del vantaggio avversario prova a riportarsi in avanti, ma la retroguardia rossoazzurra fa buona guardi e non corre più grossi rischi.

Una sconfitta che suona come campanello d’allarme per i “tigrotti” che ora hanno solo un punto di distacco dalla zona play out e che invece rilancia le ambizioni salvezza del Paternò, che contro i rossoblù modicani bissa il successo di domenica scorsa sul campo del Città di Rosolini, prossimo avversario del Modica al “Salvatore Consales”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine