Patto per Vittoria: “Grave situazione nel settore turistico Tasse insostenibili”

Patto per Vittoria e Scoglitti denuncia la grave situazione nel settore turistico alberghiero vede , oltre alla tassazione  annuale, una imposizione di tributi locali oramai insostenibile.

Per il comune di Vittoria il consumo di acqua ha una tariffa che varia da 0.70 fino a 214 mc e 0.90 oltre i 215 mc.  Oltre il canone fisso, il contributo energia determina , per una struttura media di circa 30 camere e ristorante, costi pari ad oltre 4.000 euro l’anno e per uno stabilimento balneare circa 700 euro per i pochi mesi estivi, stabilimenti che come è ben noto forniscono docce e servizi igienici a titolo gratuito ai fruitori delle spiagge.

La TARI ad euro 5,16717 al mq vede una incidenza annua per le sole camere  di circa 3000 euro  e circa 800 euro per un ristorante di circa 150 mq e l’aggiunta di circa 2000 euro solo per le superfici accessorie quali depositi, magazzini etc.

Se alle superiori imposizioni aggiungiamo IMU e TASI in media si superano i 20.000 euro circa così da avere una incidenza a camera di oltre 600 euro l’anno. Si consideri altresì l’IMU per le spiagge in concessione demaniale.

Naturalmente a cio’ deve aggiungersi i passi carrabili e le tasse per installazioni di segnaletiche direzionali , eventuali occupazioni di suolo pubblico e compensi per smaltimenti di oli esausti ed altro.

Tale situazione non consente piu’ alle strutture di poter operare sul mercato, un mercato che chiede continue commissioni per pagamenti con carte credito, operazioni bancarie, commissioni di vendita e tariffe alberghiere sempre piu’ basse  e strutture ricettive come BB ,case vacanze e affittacamere riconosciute come civili abitazioni e sul mercato concorrenziale della ricettività.

L’appello ultimo che viene presentato al Sindaco e all’amministrazione nonché al Consiglio comunale della città di Vittoria dalla categoria e da Patto per Vittoria e Scoglitti è quello di un immediato intervento per attuare politiche agevolative ed sgravio per le aziende alberghiere in materia di tributi locali in modo da avere congruità ed equità legata al reale tasso di occupazione delle camere diversamente, si profila una decisa chiusura delle strutture o al meglio per alcuni una apertura solo stagionale, tolte le isolate eccezioni,  togliendo definitivamente al territorio qualsiasi tipo di ricettività alberghiera e la fine di ogni forma di turismo tanto auspicato.

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine