Patto per Vittoria e Scoglitti sulla Fiera Emaia: “Qualcosa non quadra!”

Riportiamo il comunicato stampa del referente di Patto per Vittoria e Scoglitti, Arcangelo Mazza sulla fiera che ha rappresentato la storia della città di Vittoria: la Fiera Emaia.

“La Fiera Emaia ancora oggi costituisce un polo di attrazione ed interesse importante per la nostra città. L’unica Fiera superstite nel panorama siciliano che ha in se la genialità di chi la istituì , la solitudine nei rapporti di partenariato e di finanziamenti ed infine la prossima sorte dell’estinzione e quindi della sua stessa liquidazione.

Il carnefice dell’Emaia si chiama la politica gestionale e quella più ampia ,nel tempo, provinciale e regionale; la prima per incapacità ed incompetenza e le seconde per assoluta indifferenza.

L’attuale amministrazione consegnerà fra meno di due anni una municipalizzata da porre in liquidazione sacrificando posti di lavoro e potenzialità di sviluppo.

Assistiamo sempre allo stesso teatrino : il taglio del nastro da parte di deputati, senatori, presidenti di regione etc. che vengono ,promettono e poi spariscono ed infine alle solite conferenze stampa che esaltano ogni rassegna fieristica dischiarandone successi inaspettati e primati ineguagliabili.

Bene, la città ha il diritto di sapere dove sta la verità e gli organi di informazione il dovere di dare la corretta informazione pur consapevoli dello spessore di interessi economici pubblicistici intercorrenti fra organi di diffusione ed Emaia.

Sono una moltitudine gli operatori commerciali, imprese ed artigiani che da anni non vengono pagati per le loro prestazioni in favore dell’Emaia, debiti per centinaia e centinaia di migliaia di euro , alcuni procedimenti chiusi in transazione ed altri aperti con procedure legali incorso. Banche che chiudono le porte all’Emaia che ha difficoltà anche a gestire un semplice conto corrente e a pagare gli stipendi del personale.

Eppure i bilanci sono in pareggio, ultimo noto per effetto di pubblicazione sul sito istituzionale (unico bilancio pubblicato) quello del 2013.

Allora o sono falsi i bilanci o qualcosa all’Emaia non quadra!

Dato 2013, ricavi per un milione di euro e spese per 1380 di cui 250 mila per stipendi necessari a 5 amministrativi e 3 operai(nel 2011 560 mila euro di stipendi) e quasi 500 mila euro per servizi e quasi 50 mila euro per gli amministratori, circa metà per il Presidente e oltre metà per i consiglieri di amministrazione.

La fiera di Novembre incassa circa 650 mila euro, San Martino 80 mila euro,il mercatino del sabato circa 140 mila euro e le varie fiere Kamo, Medexpo e S.Giovanni circa 30-40 mila euro ciascuna ed infine l’ultima l’Agrem che a stento incassa 30 mila euro. In definitiva tutte le fiere , escluso la novembrina, a stento coprono le spese del personale ! Scandaloso !

Patto per Vittoria e Scoglitti sollecita gli organi di vigilanza e controllo dell’azienda municipalizzata ed istituzionali a comunicare diffusamente alla città lo stato economico reale dell’azienda e a dare delucidazione sui rapporti con aziende ed imprese che da anni aspettano di essere pagati oltre ad appurare la conformità dei bilanci che riteniamo essere strumento tecnico di equilibrio finanziario e non strumento finanziario che rispecchia la realtà della stessa azienda municipalizzata. Oggi forse si puo’ iniziare una azione di salvataggio , domani è tardi ma chi ha responsabilità deve pagare , basta con gli sfascisti della cosa pubblica da sempre mai responsabili di nulla !”

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine