Peppino Impastato era divisivo ed ognuno di noi dovrebbe ringraziarlo! 

Gli studenti di Partinico non hanno voluto che il loro liceo fosse intitolato a lui ed a Felicia (scelta per me non condivisibile ma che rispetto). 

Il problema è che hanno motivato la loro scelta sul suo essere “divisivo”. Ed i ragazzi hanno ragione. 

Peppino era divisivo perché divideva tra chi lottava la mafia e chi ci faceva affari. Era divisivo perché denunciava la mafia, mentre gli altri tacevano. Era divisivo perché faceva i nomi ed i cognomi, mentre gli altri quei nomi e cognomi li “rispettavano” ed omaggiavano. Era divisivo perché veniva da una famiglia mafiosa e decise di chiudere i rapporti con i parenti boss. Era divisivo perché la madre, la grande Mamma Felicia, non lo fece vendicare, ma si rivolse alla Giustizia. 

Era divisivo perché fortemente antifascista, pensate come la Costituzione del nostro Paese. 

Era divisivo perché nella nostra Terra non si può essere con tutti. Lui non lo era. 

È stato ucciso perché era “divisivo”. 

La questione sta proprio nel fatto che i ragazzi non conoscono la storia di Peppino, e non è colpa loro. Vuol dire che non abbiamo fatto abbastanza per raccontarlo. 

Grazie Peppino per essere stato divisivo. Follemente divisivo. Dal tuo essere divisivo abbiamo imparato a schierarci! 

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine