Politici lontani “anni luce” dai veri problemi dei cittadini

Quasi cinque milioni di italiani sono in condizioni di “povertà assoluta”, e da una semplice analisi dei dati forniti dall’Istat, è facile constatare che negli ultimi 7 anni sono praticamente raddoppiate le famiglie povere. I disoccupati sono quasi il 13%, ovvero quasi 8 milioni di italiani non percepiscono nessun reddito. Se a questo aggiungiamo il fatto che non vengono garantiti,  a tutto il popolo, i servizi essenziali e vitali, come l’assistenza sanitaria ed i medicinali, allora credo possiamo facilmente trarre la conclusione che la politica ha fallito.

Cosa fanno i politici oggi per ridare speranza al popolo italiano?

Archiviata la querelle sul nome del segretario del Pd, e assuefatti dalla questione “Ruby”, ci si sta dedicando ad elaborare una nuova legge elettorale poco chiara e chissà, forse, anche illegittima. Dal porcellum dovremmo passare all’italicum. Il decreto “Salva-Italia”, voluto da Letta, ha schiacciato nel burrone la già sventurata Italia, e con se molti italiani che non riescono a comprare nemmeno il pane (figuriamoci a pagare le tasse). Ad oggi nessuna azione chiara, e favorevole al popolo, è stata attuata. Le aziende ne hanno bisogno, i giovani lo meritano, tutti la richiedono, ma i politici che fanno? Pensano a come spendere quei pochi “spiccioli” rimasti nelle casse degli Enti, acquistando slip o gioielli, mentre il popolo muore letteralmente di fame.

Un consiglio vorrei dare a tutti i politici: “Rimboccatevi le maniche delle vostre belle camicie firmate, e iniziate a cambiare  l’Italia adattandola alle esigenze dei cittadini, e non alle vostre, oppure …… toglietevi dalle palle.”

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine