Pozzallo, botte da orbi ad un giovane somalo

Un immigrato somalo, ospite del centro di prima accoglienza di Pozzallo (Ragusa), è stato picchiato selvaggiamente da due uomini, dopo per aver chiesto una sigaretta. Secondo gli inquirenti, sarebbe la pressante richiesta da parte del giovane di sigarette, la motivazione che avrebbe scatenato la rabbia di due uomini, i quali si sarebbero avventati sul somalo. É successo nella tarda serata di ieri, nel centro della città marinara del ragusano. I fatti sono ancora al vaglio delle forze dell´ordine, ma sembra che l´ospite del Centro fosse ubriaco. Secondo quanto hanno riferito alcuni testimoni, il somalo, già alticcio di primo pomeriggio, si sarebbe avvicinato ai due uomini, che potrebbero essere anche loro ospiti del CPA. Si è passati nel giro di pochi secondi alle mani. Botte da orbi per il somalo che, in quel momento, si trovava anche da solo per le vie del centro cittadino. Solo l´intervento di altre persone, avrebbe fermato la mano dei due uomini, che, subito dopo, si sono dati alla fuga. I presenti hanno avuto l´accortezza di chiamare sia i carabinieri della Stazione di Pozzallo, sia il personale medico del 118. Giunti sul posto, il personale medico ha ordinato il ricovero urgente presso l´ospedale «Maggiore» di Modica, dove il somalo ha trascorso la notte. I carabinieri della Stazione di Pozzallo, stanno indagando sull’accaduto.

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine