Pozzallo, delegazione della Commissione per le libertà civili del Parlamento Europeo in visita

Nel pomeriggio di ieri una delegazione della Commissione LIBE del Parlamento Europeo ha fatto tappa a Pozzallo dove è stata accolta dal Prefetto Maria Carmela Librizzi insieme ai  vari soggetti/organismi a vario titolo coinvolti nelle attività di assistenza e di accoglienza dei migranti. La delegazione, capeggiata dall’on.le Barbara Kudrycka e composta da altri 8 parlamentari tra i quali gli Italiani Barbara Spinelli e Salvatore Domenico Pogliese, è stata ricevuta prima nei locali della Capitaneria di Porto nella cui Sala Conferenze è stato organizzato –  quale momento propedeutico alla visita all’interno del locale hotspot  – un incontro per fornire agli ospiti alcune informazioni di carattere generale sui principali aspetti che connotano il fenomeno migratorio in questo ambito provinciale.

Nella circostanza, alla presenza anche del Sindaco di Pozzallo Luigi Ammatuna, il Prefetto ha illustrato il dispositivo di soccorso ed accoglienza dei migranti che viene attuato al porto di Pozzallo ed all’interno dell’hotspot, in linea con le previsioni del Piano provinciale di soccorso in caso di sbarchi, evidenziando l’elevato impegno profuso dalle componenti istituzionali e non, con richiamo – ai fini di una migliore comprensione della problematica in esame – alla consistenza numerica degli arrivi nell’anno appena trascorso e nel corso di questi ultimi mesi. In particolare, il Questore  Giuseppe Gammino ha delineato i profili riguardanti le attività di polizia condotte  in collaborazione con la rappresentanza dell’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo (EASO) e con l’Agenzia europea della guardia costiera e di frontiera FRONTEX, coinvolte sia sul piano dello scambio d’informazioni e della cooperazione a fini info-investigativi, sia sul piano dello snellimento delle procedure previste per i richiedenti asilo.

Al termine dell’incontro, la delegazione è stata accompagnata all’interno dell’hotspot di Pozzallo, dove ha avuto modo di incontrare, oltre ai migranti ospiti, anche il personale ivi impegnato nelle varie attività. Al riguardo, sono stati forniti elementi informativi di dettaglio, con specifico riferimento agli interventi prima assistenza ed accoglienza posti in essere di seguito agli sbarchi, alle procedure di identificazione e foto-segnalamento, alle successive operazioni di trasferimento dei migranti  propedeutico alla relocation o, alternativamente, all’avvio nei centri governativi di espulsione o nei centri di accoglienza straordinari. Durante la visita è stato dimostrato grande interesse rispetto alle modalità con cui viene affrontata la questione migratoria in questo ambito provinciale, come confermato da tutti i componenti la delegazione che non hanno mancato di manifestare vivo apprezzamento per il contributo prestato dalle componenti istituzionali nonché dalle  diverse organizzazioni coinvolte tra le quali la Croce Rossa Italiana, l’Unchr, l’Oim, Emergency, Save the Children, Medu, Terre des Hommes ed il Volontariato di Protezione Civile.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine