La Progeo Ragusa vince in rimonta un derby con un finale a “alta tensione”

Progeo Ragusa – Caffè del Corso Modica 3 – 2

 Parziali: 20 -25, 20 – 25, 25 – 14, 31 – 29, 15 – 11.

La Progeo Ragusa vince al tie break il derby con il Caffè del Corso Modica e conferma il quarto posto nella classifica del campionato di serie B2 maschile di pallavolo.

Un derby dai due volti quello visto sul parquet ragusano con il sestetto modicano entrato subito in partita e pronto a sfruttare ogni indecisione dei “blacks” di Benassi che nei primi due parziali non sono riusciti a fermare la voglia di vittoria della formazione modicana che ha dimostrato ampiamente di non meritare l’attuale classifica che vede i biancoblu della Contea a un passo dalla retrocessione in serie C.

Primi due set che evidenziano le lacune dei padroni di casa e modicani che con identico parziale (20 – 25) si portano a un passo dall’impresa.

Calo di tensione nelle file biancoblù nel terzo set che la formazione di Benassi vince a mani basse rientrando in partita.

Il clima derby già infuocato sin dalle prime battute diventa “rovente” e il terzo set è lunghissimo e ricco di colpi di scena. Alla fine dopo la lunga battaglia i padroni di casa riescono a vincerlo ai vantaggi e per decretare il successo c’è bisogno così del tie break.

In un clima “carico” di nervosismo i padroni di casa riescono a spuntarla e a conquistare il successo in rimonta.

A fine partita la tensione si è fatta ancora più alta e per far tornare il “sereno” è stato necessario l’intervento delle Forze dell’Ordine costrette a intervenire per placare gli animi e tutelare l’incolumità di tutti.

Un brutto episodio che sicuramente non fa onore alla pallavolo iblea e che deve fare riflettere a lungo chi ha contribuito a rendere “acido” un derby che nonostante il campanilismo esistente tra le due squadre non dovrebbe mai uscire dai binari della sportività che sabato a Ragusa non si è vista.

Alla fine vince Ragusa sul campo, ma il Caffè del Corso esce dal parquet a testa alta e con la consapevolezza di poter puntare su un gruppo di atleti che potranno contribuire al rilancio del volley modicano.  

Condividi
sono nato a Modica in un giorno che (purtroppo) coincide con una data storica 11 - 9 -1966. Ho studiato all'Istituto Tecnico Commericiale "Archimede" di Modica. Da sempre ho avuto la passione per lo sport e per il calcio in particolare. Dopo aver giocato a livello giovanile nel Modica calcio dopo un brutto infortunio al ginocchio ha pensato di vivere nel mondo dello sport da una diversa angolazione raccontando agli altri quello che succede nei vari campi e nelle varie manifestazioni sportive riuscendo a trasformare un mio hobby in lavoro. Ha iniziato a lavorare come giornalista agli inizi degli anni 80' (82/83) a Rtm pe rpoi passare a Video Mediterraneo. Tornato a Modica dopo quattro anni a Vignola (Mo) ho ricominciato curando lo sport "minore" a Video Regione per poi passare a VideoUno. Dal 2004 scrivo per il Giornale di Sicilia con belle esperienze nei giornali on line quali Giornale di Ragusa e La Spia.

3 COMMENTI

  1. Ma credo poco alla tesi che un arbitro minacci un giocatore, e poi che giocatore che ha passato una partita intera a fare innervosire sotto rete i giocatori modicani, bravo complimenti

  2. Mi spiace Che Giovanni Iacono abbia sbagliato e ha visto un’altra partita . Quello ch’e’ successo sabato e’ gravissimo il Ragusa si è comportato male dentro e fuori dal campo permettendo , persino ai ragazzini di offendere . Peccato x il nostro meraviglioso sport . Per quanto riguarda il Ragusa ……VERGOGNA

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine