Quando le mamme crescono… non si rassegnano alle logiche di sempre!

Quando le mamme crescono … non si rassegnano alle logiche di sempre.

La delizia dell’attesa di una serata piacevole alla scoperta dei musei della città si trasforma prima in delusione aspra e poi in una impossibile rassegnazione.

Città dell’Unesco, con tanto di spazio dentro Expo 2015. Città dagli scorci bellissimi che fanno da sfondo ai casi del commissario Montalbano. Siamo importanti, la città in cui viviamo è importante. E’ solo che a me non basta, mi sa di un corpo bellissimo ma vuoto , di una casa bellissima ma senza anime. Musei aperti fino alle 24, giornata europea.

La mia città non ne fa parte ? Provo un senso di amarezza di fronte alle porte chiuse dei musei, di fronte alle targhette degli orari di apertura e chiusura crocifisse sul muro. Da dentro mi arriva l’eco di un passato prigioniero a cui non posso accedere; sento sussurri di memoria delle anime illustri che continuano a esistere.

Questa notte, d’un tratto divenuta brevissima, cammino sognando che ai figli di tutti importi ancora qualcosa dei musei aperti, delle biblioteche gremite di libri, delle strade antiche illuminate, delle terre da cui nascono frutti e futuro.

Sotto il cielo diventato per un attimo muto di stelle, immagino una cultura di rete, che oltrepassa la burocrazia politica e le convinzioni personali di chi la cultura la gestisce e la fa, che accantoni i tornaconti personali, che risalti le potenzialità del luogo in cui vivo invece di farle ammuffire dietro le porte chiuse.

Condividi

Donna, mamma, e lavoratrice precaria ( da 15 anni ) che ha visto nella maternità, nella relazione di coppia, nella precarietà sociale una strad infinita per crescere e guardare oltre il proprio confine personale. Nella sua vita si intersecano ogni giorno il racconto della storia di Modica e il racconto di fiabe per bambini, la cui fantasia, creatività, innocenza, grandezza va protetta ad ogni costo da una società, una scuola, una famiglia sempre più spesso distratta, impreparata, incapace di mettere al giusto posto le priorità.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine