Sanità, la denuncia dei familiari di un paziente di Siracusa: “Assegnati infermieri senza esperienza professionale per assistere mio padre”

 “L’Asp di Siracusa ci ha assegnato infermieri che non hanno esperienza professionale per assistere mio padre”. E’ la denuncia di Giorgia D’Amico, figlia di un uomo di 57 anni di Avola, nel Siracusano, affetto da una grave malattia neurologica, atassia spinocerebellare, che non gli consente di respirare in modo autonomo. Il paziente e’ sottoposto alle terapie domiciliari h24 ma secondo quanto sostenuto dalla famiglia dal 27 novembre scorso, senza alcuna comunicazione, sono stati assegnati nuovi infermieri, “che saranno sostituiti da altri il 27 dicembre e cosi’ via per ogni mese” dichiara la figlia del paziente.

Peraltro, “questi infermieri – racconta Giorgia D’Amico – ci hanno manifestato sin da subito le loro preoccupazioni perche’ ritengono di non avere la giusta esperienza professionale perche’ specializzati in altri reparti e non in Rianimazione, peculiarita’ necessaria per assistere un paziente come mio padre”. Inoltre, secondo i familiari, questo poco lasso di tempo in cui lavoreranno non consentira’ ai nuovi infermieri di comprendere certe abitudini del 57enne, che “ha un modo buffo di comunicare: attraverso lo sguardo” commenta in modo amaro la figlia del paziente. I parenti, autori di una lettera aperta all’Asp di Siracusa, chiedono di conoscere in anticipo gli infermieri, considerato che “lavoreranno in casa nostra” ma le paure sono anche per la moglie del paziente. “Mia mamma ha tanta paura e non riesce nemmeno un attimo ad allontanarsi da papa’ che a causa di questa situazione ovviamente ne sta risentendo al livello mentale e fisico” spiega la figlia.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine