Scicli, le intimazioni di pagamento della SOGET sono nulle: ecco perché! Ma nessuno si è accorto di nulla…

“L’ingiunzione impugnata è stata adottata da una società in carenza di potere, successivamente alla data di scadenza del rapporto contrattuale tra la SO.GE.T ed il Comune di Scicli, avvenuta in data 9 agosto 2013”.

A parlare è la Commissione Tributaria Provinciale di Ragusa, con propria sentenza pronunciata il 9 giugno del 2014 (n. 1452/01/14).

Con tale sentenza si afferma chiaramente che la società che gestiva il servizio di riscossione per il Comune di Scicli non può continuare ad effettuare il proprio mandato visto che “il bando di gara prevedeva che l’appalto avesse una durata di 30 mesi, non soggetto a proroga. Il contratto è scaduto il 9 agosto del 2013”.

Da questa data, pertanto, la SOGET non può più svolgere le proprie mansioni e quindi le attività di riscossione successive a tale data sono nulle.

Ma c’è anche altro, in quello che appare un rapporto quantomeno anomalo, nel comportamento della SOGET.

Nelle comunicazioni urgenti di pagamento – ne pubblichiamo foto di una – si fa riferimento ad una intimazione di pagamento che andrebbe fatto “entro e non oltre due giorni”, quando la legge parla esplicitamente di cinque giorni.

Non solo, le modalità di scrittura fanno apparire l’intimazione, a tratti, una intimidazione. Come si può ben leggere, si dice: “Avverto che in mancanza di pagamento entro e non oltre due giorni dalla presente, si procederà all’esecuzione ricorredo, se del caso all’apertura della porta con l’assistenza della forza pubblica ed all’asporto immediato dei mobili che verranno pignorati”.

Si fa riferimento, infine, al contatto privato di un Funzionario Responsabile di Riscossione, Giuseppe Basile.

Ma anche nel caso della forma giuridica (e la forma è sostanza in queste cose!), il Comune di Scicli – con propria determina  – affida il servizio alla SOGET come “affidataria del servizio in questione”.

Mentre la SOGET (anche in questo caso alleghiamo la foto) si definisce “Concessionaria”.

Insomma, al di là di ogni formalismo, la sostanza è che tutte le intimazioni emesse con data successiva al 9 agosto 2013 sono nulle per assenza del relativo potere.

In conclusione: è possibile che, ancora una volta, gli uffici comunali non si siano accorti di nulla? Perchè si continua così? Non è il caso che la Giunta Susino intervenga?

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine