Sebastiano Ardita, il suo impegno ed il tentativo di screditarlo

“Le dichiarazioni che riguardano il Consigliere Sebastiano Ardita sono palesemente calunniose”. A parlare è Nino Di Matteo, il primo a prendere le parti di Sebastiano Ardita.

Quello che accade in questo Paese è sempre più grave. Un Paese in cui un uomo, un magistrato – Sebastiano Ardita – è quasi costretto a giustificarsi per le (“palesi” e “calunniose”) dichiarazioni contenute in verbali inviati in giro.

In Sicilia si direbbe: trattasi di mascariamento. Cioè sporcare, imbrattare (mascariare, appunto) l’immagine di una persona per screditarne l’impegno. Ed allora bisogna leggere le parole di Ardita che – oggi – sulle colonne del Fatto afferma:

“Ritengo che si sia tentato di colpirmi perché in tutti gli incarichi istituzionali che ho ricoperto, compreso quello attuale, mi sono battuto perché non ci fossero santuari inviolabili”.

Santuari inviolabili. Attendiamo le indagini per comprendere l’esistenza, le reali responsabilità e gli appartenenti alla “loggia Ungheria”, per evitare di calunniare magistrati come Ardita.

Lo dico da tempo, si cerca di mettere in luce il dito (le “palesi” e “calunniose” dichiarazioni) per nascondere la luna (l’impegno – passato, presente e futuro – del magistrato). Ma quanta sofferenza per chi cerca di fare soltanto il proprio dovere, quando tanti altri lo sacrificano sull’altare della convenienza personale.

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine