Sentinelle della Legalità di Corleone alla Presidenza della Regione Siciliana

Venerdì  29 Maggio le Sentinelle di Corleone chiudono “in bellezza” il progetto fra grandi emozioni, entusiasmo e una grande voglia di ricominciare il prossimo anno  più motivati di prima e con loro tutti noi!

Nella bella sala Alessi di Palazzo d’Orleans di Palermo le giovani sentinelle di Corleone sono state accolte dal Presidente della Fondazione, Salvatore Calleri, incaricato dal Presidente della Regione Sicilia, Saro Crocetta, a rappresentarlo nella duplice veste di esperto di lotta alla mafia e consulente sui beni confiscati. Con lui lo staff del Cerimoniale e il dottor Giuseppe Abbate che ha illustrato ai ragazzi, durante la cerimonia finale, lo statuto autonomo della Regione. Per il Comune di Corleone la sindaca, Leoluchina Savona.

Dopo alti e bassi, corse agli ostacolo e grandi traguardi  non potevamo sperare di meglio per chiudere il progetto 2014-2015 a Palermo dove è vivo il cambiamento da terra di mafia a terra di antimafia e a segnare la via sono i ragazzi di Corleone. Nel loro percorso le Istituzioni, al contrario di altre occasioni, hanno fatto la differenza: a dicembre 2014 ospiti insieme ai ragazzi toscani e veneti del ministro Stefania Giannini e del Presidente del Senato Piero Grasso. A marzo ospiti in Consiglio comunale a Corleone dove, per la prima volta, hanno cantato una canzone contro la mafia scrivendo una pagina di storia, nonostante fossero stati snobbati dai media che sono sempre di più a caccia di gossip da bettole di quart’ordine. Infine chiudono il loro percorso ospiti della loro Regione e, lo stesso Presidente, lontano da Palermo, a sorpresa in collegamento telefonico, ha voluto salutare i suoi giovani cittadini con parole accorate.

Ancora una volta, ma per la prima volta nelle stanze della Regione Sicilia, le testimonianze dei lavori dei ragazzi  dell’Istituto comprensivo Vasi e dell’Istituto Professionale per l’Agricoltura e l’Ambiente di Corleone hanno avuto voce prima di interpretare le canzoni contro la mafia scritte dai ragazzi.

Questo è il miracolo italiano che ci piace, vedere volti gioiosi e fieri, tanti occhi umidi. Emozioni che ripagano di tanti momenti di sconforto, di comportamenti da studio di analisi!

Grazie ragazzi, grazie al vostro esempio il prossimo anno si ricomincia più forti e piu fieri con altre scuole, oltre a Corleone, Castelvetrano, Partinico, Brancaccio.

La Fondazione ha voluto ringraziare la Dirigente scolastica, Giuseppina Sorce, che ha saputo sostenere il corpo docente, e gli insegnanti: Lucia Briganti, Pasquale Ragusa, Saverio Saladino, Rosa Cascio, Cinzia Petralia, Liliana Cappello, Rosalia Romano, Maria Lucia Olivieri. Con loro vogliamo ringraziare tutti gli insegnanti del Progetto sentinelle, tutti partigiani di questi valori, per citare una frase di nonno Nino Caponnetto, a loro va un abbraccio grande come le idee e le proposte dei nostri ragazzi.

Un ringraziamento alla Fondazione Falcone e al Ministro Stefania Giannini, al Direttore Generale dello Studente, Giovanna Boda, e a tutto il suo staff che ha inserito la piazza di Corleone il 23 maggio per non lasciarli soli e facciamo nostra la frase di ringraziamento di Maria Falcone: siamo una grande famiglia che ogni anno cresce e di questo ne siamo fieri.

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine