“Siamo rimasti senza parole”. Abbate sull’incontro con il Ministro per il Tribunale

“Siamo rimasti senza parole”. E’ questo il commento, eloquente, del primo cittadino, Ignazio Abbate a seguito dell’incontro istituzionale avuto stamane al Ministero di Giustizia.

“Si è registrata una disponibilità all’ascolto sulle nostre rivendicazioni, ma rimangono fermi nel valutare la bontà della revisione delle circoscrizioni giudiziarie. La commissione istituita per stimare i risultati della riforma visiterà, tra non molto, sia l’immobile del Tribunale di Modica e quello di Ragusa, come faranno nel resto del Paese, per fare delle valutazioni di merito, utili per consolidare o rivedere gli assetti definiti entro il 13 settembre del prossimo anno.
Ed è stato quello il momento in cui abbiamo richiesto che la giurisdizione civile fosse lasciata nel nostro Tribunale. Il Ministro Cancellieri ha accolto l’invito di venire a Modica per vedere e valutare le possibilità ricettive del nostro palazzo di Giustizia.  Abbiamo anche saputo di una riduzione, decisa dal Ministro del Bilancio, del 75% delle rimesse che lo Stato ci deve per il mantenimento del Tribunale di Modica. Vantiamo un credito con il 2013 di 5 milioni di euro. Siamo rimasti senza parole.”
Questa è la valutazione espressa dal Sindaco, Ignazio Abbate, al termine dell’incontro avuto, assieme alla rappresentanza del Comitato Pro-Tribunale di Modica (presidente dell’Ordine degli avvocati, Ignazio Galfo, gli avvocati Salvatore Campanella, Antonio Borrometi ed Enzo Galazzo) i parlamentari Nino Minardo Minardo, Venerina Padua e Marialucia Lorefice e il presidente del consiglio comunale Ignazio Garaffa, stamani nella sede del Ministero di Giustizia presente il Ministro Anna Maria Cancellieri, il capo del dipartimento, Luigi Billitteri.
“Ho avuto poi un’interlocuzione telefonica, continua il Sindaco, con il capo di Gabinetto del Ministro D’Alia ( partito per Milano per un urgente impegno istituzionale) al quale sarà recapitata una copia del ricorso che il Comune di Modica ha avanzato nei confronti del Tar del Lazio avverso alla multa irrogata l’ente per lo sforamento del patto di stabilità. Ci hanno informato che c’è in itinere un provvedimento per superare questa difficoltà che è comune a migliaia di enti italiani e siciliani. Mercoledì avrò nuovamente un’interlocuzione con il ministero per la pubblica amministrazione e la semplificazione per seguire gli sviluppi di questa vicenda.”

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine