Stefano Giaquinta autografa la barretta di Cioccolato di Modica a lui dedicata, collocandola fra gli incarti speciali del Museo

E’ la Storia di Stefano Giaquinta Ceo di Mutika, Azienda italiana Leader nel settore degli eventi, meeting, conferenze e viaggi, in questi giorni nella sua città natale per festeggiare il quarantesimo compleanno, accolto quest’oggi da Grazia Dormiente Direttore Culturale e Nino Scivoletto Direttore generale del Consorzio

Una lunga visita volta a conoscere la storia del cioccolato di Modica e dei maestri cioccolatieri che fin dalla metà del 700, addolcivano i palati della aristocrazia modicana, attraverso il fascinoso racconto di Grazia Dormiente curatrice della ricerca archivistica fra i polverosi fascicoli del fondo archivistico della famiglia Grimaldi, depositato presso l’Archivio di Stato di Ragusa sezione di Modica.

Il Direttore Scivoletto ha illustrato il percorso seguito dal consorzio. lungo dieci anni, alla fine del quale il cioccolato di Modica è stato iscritto, quale primo e unico cioccolato, nel registro europeo delle IGP, nonché i riconoscimenti successivi: dalla iscrizione del cioccolato di Modica Igp, nel Dizionario Enciclopedico Treccani, alla istituzione del “passaporto digitale” frutto della collaborazione con il Poligrafico e Zecca dello Stato, con CSQA e Qualivita, altro primato attraverso il quale il consumatore potrà conoscere la storia di ogni barretta , grazie alla APP Trust Your Food, mentre i produttori, grazie al contrassegno potranno difendersi dalla contraffazione.

A conclusione della visita, l’illustre ospite ha lasciato un messaggio nel registro d’onore: Grazie al Museo del Cioccolato per avere insignito il prodotto d’eccellenza come “Il Cioccolato di Modica IGP”.

Di seguito Stefano Giaquinta ha autografato la barretta di cioccolato di Modica, prodotta dalla azienda consortile Casalindolci, a lui dedicata, collocandola egli stesso nella collezione degli incarti speciali del Museo. La barretta è stata prodotta in quaranta più venti esemplari numerati, realizzati da Enzo Bosco su immagine di Raffaele Di Rosa.

Ha presenziato alla visita l’Architetto Alessandro Ferrara già Sovrintendente ai Beni Culturali di Ragusa.

Prima della degustazione la Professoressa Dormiente ha donato all’ospite la sua recente pubblicazione “Il cioccolato di Modica Igp” mentre il Direttore Scivoletto ha conferito a Stefano Giaquinta la “Barretta d’argento Igp” quale ambasciatore del cioccolato di Modica IGP nel mondo.

il Ceo Giaquinta era accompagnato dal Dottore Carlo Spezia e dal Director of Sales & Marketing Gabriele Finocchio.

Al completo lo staff del Museo con Tiziana Spadaro, Paola Cicero, Gianni Frasca e Piero Puglisi.

La  valorizzazione delle nostre produzioni di eccellenza, dichiara Giaquinta,  è la strada maestra per favorire lo sviluppo ulteriore e il rilancio della nostra terra,  insieme alla qualità indubitabile del prodotto cioccolato modicano, frutto di tradizioni artigianali antiche e consolidate, memoria di chi con passione negli anni ne ha valorizzato l’unicità

Nel  volto dell’imprenditore , traspare l’orgoglio, la fierezza per aver sempre fatto il proprio dovere, rispettando le regole e offrendo la propria esperienza di vita e di lavoro oltre che a se stesso e alla propria famiglia, all’intera comunità.

Chi fa impresa, nelle economie di libero mercato ha un ruolo importante: è un agente del cambiamento, ha un ruolo di progresso, fa crescere la comunità nella quale opera. La voglia di costruire il futuro è in ogni imprenditore. In chiunque provi a dare gambe e forza ad una intuizione. In chiunque costruisca, intorno ad una idea vincente, una organizzazione di lavoro, con tenacia, passione, competenza e volontà. Chi fa impresa non ha paura del futuro, sorregge un valore che celebriamo con un ottimismo che non è solo quello della volontà, ma soprattutto la voglia di produrre ancora benessere e lavoro!

Ad Maiora Stefano, ed alla vostra prossima visita nella Città della contea, del cioccolato e della cultura.

Alessia Sudano

Condividi
Alessia Sudano, classe 1976, modicana di adozione ma catanese nel DNA. Da numerosi anni si occupa di marketing strategico o come lo definisce simpaticamente lei “emozionale”. E' una persona curiosa, allegra, intransigente, testarda, madre e donna in carriera, tratta la vita alla sua maniera "a colpi di sorrisi". Da sempre impegnata nella solidarietà e nel sociale, anche come capo scout nel gruppo A.g.e.s.c.i. "Modica 2", nella promozione del territorio e della cooperazione in ambiti politici, culturali ed economici. E' stata la promotrice del progetto provinciale "Guerilla Parking" attraverso il quale sia è dato impulso alla lotta al degrado delle strutture ludiche esterne a favore di una fruizione più confortevole per i più piccoli abitanti del territorio. Non vive il tempo secondo la definizione greca di krònos, a questo preferisce di gran lunga il kairòs, adora gli animali, ama dipingere, scrivere e ascoltare sola la musica giusta. Cura da anni la rubrica “Punti di svista” per la testata giornalistica "La Spia" perché a suo dire "ci sarà sempre qualcosa che merita attenzione e che non ha la giusta considerazione". La massima che da sempre ispira la sua vita è "parlate da uomini saggi, comportatevi come gente comune".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine