Termovalorizzatori in Sicilia, Fare Verde: addio raccolta differenziata

Fare Verde dice no alla costruzione dei termovalorizzatori in Sicilia. L’associazione ambientalista non condivide la scelta dei governi regionale e nazionale di puntare sulla costruzione di inceneritori per risolvere il problema dei rifiuti nell’isola. La realizzazioni di questi impianti comporterà una spesa di centinaia di milioni di euro, in un tempo stimato per la completa realizzazione di non meno di 5 anni, sempre che verranno ultimati ed entreranno effettivamente in funzione.

“Intanto –denuncia l’associazione- passando da un’emergenza ad un’altra, la faranno da padrona, ancora una volta, le famigerate discariche private che in questi anni, hanno realizzato affari milionari per pochi, a discapito della salute dei cittadini siciliani e dell’ambiente, poiché tra percolato nel sottosuolo e diossina nell’aria risultano altamente inquinanti. L’incapacità di Crocetta nell’aver dirottato decine di milioni di euro, previsti per il completamento dei Centri di Compostaggio, verso la costruzione di nuove discariche (tra le quali una a Gela, non ancora ultimata), hanno tenuto ferma al palo la raccolta differenziata, (un vergognoso 10% in ambito Regionale), e servito su un piatto d’argento il commissariamento della nostra martoriata isola, riguardo il sistema rifiuti effettivamente al collasso”.

Fare Verde chiede infine le dimissioni di Crocetta e ribadisce infine la propria contrarietà a questi inceneritori che “stravolgerebbero ed ostacolerebbero i principi della riduzione e del riciclo.

 

 

 

Condividi

Nato a Ragusa il 09/07/1985 ma è cresciuto e vive attualmente a Vittoria, dove ha frequentato il liceo classico “Cannizzaro”. In seguito si è iscritto alla facoltà di Filosofia presso l’Università degli Studi di Catania, conseguendo la laurea specialistica nel 2010. Dal 2012 è iscritto all’albo dei pubblicisti dell’Ordine regionale dei giornalisti di Sicilia.
Appassionato di sport, in particolar modo di calcio, ha avuto in passato esperienze nel mondo del volontariato, dell’associazionismo e della cooperazione internazionale.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine