Vaccini nelle parrocchie a Ragusa, tra diffidenza e scarse adesioni

Nelle parrocchie, personale medico e infermieristico pronto anche ad affrontare quelle emergenze che – a quanto al momento è dato sapere -, non ci sono state. La campagna di vaccinazioni nelle parrocchie di Ragusa si sta concludendo. Due le parrocchie nel capoluogo, interessate. La Nunziata per i fedeli di Monterosso, Giarratana e Chiaramonte, e San Giuseppe Artigiano per i fedeli di Ragusa. Altri due centri disponibili a Vittoria e Acate per la Diocesi di Ragusa, mentre per la Diocesi di Noto, i centri vaccinali nel Ragusano sono stati disponibili a Scicli, Modica, Ispica e Pozzallo in quattro chiese. A Ragusa l’adesione non è stata massiccia. Nelle due parrocchie di Ragusa in totale sono state vaccinate una settantina di persone ma le prenotazioni erano più del doppio; quattro vaccinandi, in corso di anamnesi sono stati rinviati ad altra giornata e all’hub vaccinale del Civile di Ragusa, perché una volta esaminate le patologie non è stata ritenuta opportuna la vaccinazione con Astrazeneca. Due i medici che nel comune capoluogo hanno coordinato le operazioni, Alessandro Tumino a San Giuseppe Artigiano e Biagio Aprile alla Nunziata, una chiesa che assume oggi anche un valore simbolico. Il parroco, padre Raffaele Campailla 47 anni, è morto per Covid il 21 novembre scorso. I centri parrocchiali delle chiese sono stati attrezzati con un’area di registrazione, una sala di vaccinazione e un’area di osservazione post somministrazione. Circa 300 i cittadini tra i 70 e 79 anni che si sono prenotati ma risulterebbero molte rinunce. Qualcuno, ha preferito chiarirsi gli ultimi dubbi direttamente davanti ai medici, altri hanno disdetto e il Sabato Santo non ha aiutato. La diffidenza nei confronti del vaccino Astrazeneca ha fatto la differenza. I numeri complessivi saranno resi noti non appena si concluderà la somministrazione in tutte le parrocchie interessate. Sale invece il numero dei contagi nel Ragusano. E nelle ultime ora c’è stato un decesso; si tratta di un signore di 76 anni che era ricoverato al reparto di Terapia intensiva del Giovanni Paolo II di Ragusa. Il numero attuale dei contagi rispetto al 1 aprile, è in aumento a Ragusa, Modica, Pozzallo, Vittoria e Comiso, è il seguente: Acate 36 (-8), Chiaramonte 10 (-), Comiso 116 (+5), Giarratana 1 (-), Ispica 17 (-4), Modica 53 (+10), Monterosso 2 (-), Pozzallo 27 (+6), Ragusa 238 (+37), Santa Croce 51 (-1), Scicli 179 (-16), Vittoria 93 (+9). I comuni in zona rossa istituita con ordinanza dal presidente della Regione Nello Musumeci, nel Ragusano sono Acate e Scicli. 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine