Vaccini, team leader Moderna a Vittoria: “Sono sicuri anche per i bambini. Studi clinici under 12 in completamento”

“Mia figlia ha 11 anni ed ancora non le è concesso il vaccino ma spero che a fine estate o inizio dell’autunno, possa essere estesa l’età di vaccinazione anche ai più giovani e che anche lei possa essere vaccinata. Gli studi clinici dai 12 anni in giù si stanno ancora svolgendo, probabilmente Pfizer finirà prima, Moderna credo entro la fine dell’anno”. Assoluta fiducia nei vaccini, non poteva essere altrimenti, quella espressa all’Agi, dal professore Andrea Carfì, originario di Vittoria, città nella quale è rientrato stamattina, per essere accolto dalla Commissione straordinaria che amministra il Comune. Poi una tappa a Roma e il rientro negli States per proseguire il suo lavoro come team leader della ricerca in malattie infettive di Moderna, a Cambridge nel Massachussets. Andrea Carfì con il suo team, in meno di tre mesi e con l’uso della tecnologia Rna, è arrivato alla definizione di un vaccino straordinariamente efficace contro il Coronavirus. Il lavoro del suo staff si è basato sulle tecnologie più avanzate che utilizzano la sequenza del materiale genetico del coronavirus, ossia l’acido ribonucleico (RNA). “La svolta è stata quando abbiamo visto che il vaccino dava delle risposte immunitarie sugli uomini. Ci siamo allora resi conto che avrebbe potuto funzionare per proteggere le persone dal Virus. Sull’apertura recentissima dell’Ema all’estensione della somministrazione del vaccino Moderna ai minori di 18 anni e fino ai 12, Carfì commenta: “Sì, è stato autorizzato ora da Ema, chiaramente sono le agenzie regolatorie e i governi a decidere ma riteniamo che questo vaccino sia un utile strumento per bloccare la pandemia e ulteriori infezioni. Ai genitori preoccupati per la somministrazione del vaccino ai minori, dico che il vaccino è stato testato clinicamente, non ci sono casi di ‘side effects’, effetti collaterali particolari. Da questo punto di vista il profilo di sicurezza è tale da potere essere utilizzato tranquillamente. Ciò che abbiamo visto è che viene tollerato dai minori allo stesso modo che negli adulti; ha lo stesso tipo di protezione e di effetti collaterali”. Le dichiarazioni a margine di una breve cerimonia nel corso della quale la commissione composta – da Filippo Dispenza, Giovanna Termini e Gaetano d’Erba – hanno espresso a nome della Città di Vittoria, gratitudine per il lavoro svolto. “Vittoria è una fucina di donne e uomini di cultura e dalla spiccata intelligenza, che portano in giro per il mondo il nome della città. Siamo grati al professore Carfì e alla sua equipe per l’eccellente lavoro che hanno svolto per il bene dell’umanità”. 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine