Violenza donne in agricoltura: in Prefettura a Ragusa progetto assistenza

Incontro in Prefettura a Ragusa con il capo del Dipartimento per le Pari opportunita’ della presidenza del Consiglio dei ministri, Ermenegilda Siniscalchi, per un confronto operativo sulle iniziative progettuali da intraprendere per superare la marginalita’ sociale della manodopera straniera femminile occupata nel settore agricolo.

L’iniziativa si inquadra nelle attivita’ avviate dalla Prefettura di Ragusa finalizzate al contrasto ai fenomeni di sfruttamento lavorativo e sessuale nelle realta’ agricole della provincia iblea. All’incontro presieduto dal prefetto Annunziato Varde’ hanno partecipato anche il sindaco di Vittoria, l’assessore ai Servizi sociali del Comune di Ragusa e i rappresentanti dell’Azienda Sanitaria Provinciale.

Tra le proposte delineate, la realizzazione di un presidio sanitario mobile sperimentale, che oltre ad offrire assistenza medica possa affrontare anche la marginalita’ psico-sociale delle lavoratrici straniere.

Esaminata anche la possibilita’ di utilizzare un bene immobile sottratto alla criminalita’ organizzata, messo a disposizione dall’Amministrazione comunale di Vittoria, per la realizzazione di un Centro Polifunzionale all’interno del quale fornire – alle lavoratrici ed ai lavoratori stranieri impiegati nel comparto agricolo – i servizi di assistenza linguistica, sanitaria ed attivare servizi ludico-ricreativi, nell’intento di favorire il loro inserimento nel locale tessuto socio-economico e culturale e migliorarne la qualita’ di vita.

Con il consigliere Siniscalchi e’ stata valutata anche la possbilita’ di una copertura finanziaria delle iniziative a valere sui programmi del Dipartimento per le Pari Opportunita’, i cui bandi di finanziamento sono in fase di pubblicazione.

Il prefetto Varde’ ha apprezzato la disponibilita’ del consigliere Siniscalchi per avere individuato la Prefettura di Ragusa quale sede ideale per la sperimentazione di una progettualita’ in materia di integrazione ed assistenza sociale in favore dei lavoratori stranieri.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine