Vittoria, azienda agricola distrutta. Il pericoloso ritorno ad anni bui

Il racket, la mafia, una città che deve rialzarsi.

E’ gravissimo l’ultimo episodio accaduto a Vittoria dove, una azienda agricola di contrada Serra Rovetto, ha subito danni enormi, compromettendo seriamente l’attività presente ed anche futura (FOTO ASSENZA).

Ciò, secondo indiscrezioni, accade in una azienda che si era rivolta direttamente alla “grande distribuzione”, bypassando – di fatto – le “regole” interne ed i patti (criminali) non scritti.

Le coltivazioni sono state bruciate dallo zolfo. Chili di zolfo sono stati distribuiti per tutta l’azienda e per oltre 200mila metri quadrati.

Lo zolfo, come è noto, procura danni ingenti e compromette l’eventuale immediata risemina.

Molte le ipotesi al vaglio dei carabinieri che sono intervenuti sul posto, ma un’unica certezza, il tracollo economico di una famiglia da sempre impegnata nel proprio lavoro.

Un segnale inquietante questo, che riporta la mente agli anni bui, quando le estorsioni e i soprusi, erano all’ordine del giorno.

Si vuole continuare così?

 

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine